• Home
  • primi
  • Bucatini all’Amatriciana – Ricetta Originale di Amatrice
9 1
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Condividi su un Social Network:

oppure copia e incolla il seguente URL

Ingredienti

Regola Porzioni:
400 gr. bucatini
250 gr. guanciale
150 gr. pecorino di Amatrice in alternativa altro pecorino non tanto stagionato, non salato e leggermente piccantino
400 gr. polpa di pomodoro in alternativa pomodori pelati
peperoncino
pepe
sale grosso per la cottura della pasta
una noce strutto

Salva questa Ricetta

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Bucatini all’Amatriciana – Ricetta Originale di Amatrice

Origine:

Bucatini all’Amatriciana sono un primo piatto tipico della cucina romana a base di guanciale, pecorino e pomodoro, molto semplice da preparare e molto saporito. Questo piatto popolare, ha origine ad Amatrice, in provincia di Rieti, una piccola cittadina Laziale al confine con l’Abruzzo ed era il pasto principale dei numerosi pastori che vivevano sulle montagne di Amatrice, ma la preparavano senza il pomodoro (questa versione è chiamata pasta alla Gricia). I pastori nel periodo invernale transumavano con il loro gregge nella campagna romana ed erano soliti recarsi a Roma per vendere i loro prodotti caseari, carni ovine e bovine, e inoltre portavano nei loro zaini anche la Gricia (pezzi di pecorino, sacchette di pepe nero, pasta essiccata, guanciale e strutto) e grazie ai ristoratori romani, si diffuse immediatamente l’amatriciana come piatto “romanesco”.

  • 40'
  • Porzioni 4
  • Principiante

Ingredienti

Istruzioni

Condividi
(Visited 37.024 times, 1 visits today)

Passaggi

1
Fatto

Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua per la cottura della pasta, salatela con sale grosso e portate a ebollizione. Intanto, in una ciotola spezzettate grossolanamente i pomodori pelati. Dopodiché prendete il guanciale, eliminate la cotenna e tagliatelo a listarelle di circa mezzo centimetro di spessore.

2
Fatto

Tagliamo il guanciale a striscioline

Dopodiché prendete il guanciale, eliminate la cotenna e tagliatelo a listarelle di circa mezzo centimetro di spessore.

3
Fatto

Rosoliamo il guanciale in una padella

A questo punto scaldate una noce di strutto in una padella (meglio se in ferro per non alterare il sapore del sugo), aggiungete il guanciale tagliato a listarelle e fatelo rosolare a fuoco vivo per un paio di minuti, mescolando con un cucchiaio di legno, fino a che non abbia raggiunto la giusta coloritura giallo dorato e, al gusto, potete aggiungere del peperoncino, (attenzione a questo passaggio poiché il vero segreto di una buona amatriciana è che il guanciale non deve essere lesso e tanto meno bruciato).

4
Fatto

Quando il guanciale risulterà croccante e avrà rilasciato parte del suo grasso, unite la polpa di pomodoro. Quindi mescolate e proseguite la cottura della salsa a fuoco basso per circa 20 minuti con un coperchio.

5
Fatto

Dopodiché aggiustate di pepe e continuate la cottura per altri 10 minuti (consiglio di non aggiungere il sale poiché il guanciale è molto salato). Nel frattempo mettete a cuocere i bucatini e grattugiate il pecorino.

6
Fatto

Quando la pasta sarà al dente, scolatela tenendo da parte un po’ d’acqua di cottura e versatela direttamente nel tegame con il sugo, quindi saltatela per un paio di minuti a fuoco medio per amalgamarla bene al condimento, unendo un po’ d’acqua di cottura se è necessario.

7
Fatto

Quindi spegnete il fuoco e aggiungete abbondante pecorino. I bucatini all’amatriciana sono pronti!!!! Servite in tavola, spolverizzando con altro pecorino grattugiato.

Guarda anche la ricetta degli Spaghetti all’Amatriciana.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa un modulo qui sotto per scrivere la tua recensione
precedente
Pasta e Fagioli
successiva
Pasta alla Gricia
precedente
Pasta e Fagioli
successiva
Pasta alla Gricia

7 Commenti Nascondi i commenti

Minchia … a schifiu finiu ! I picciotti si manciaru puru ‘u piattu !!!!
(Traduzione dal Siculo : ” Cazzo… è finita a lite (per accaparrarsi più pasta) ! I ragazzi ( si fa per dire. dal momento che il più giovane ha 60 anni) oltre alla pasta alla Matriciana, ed immancabile scarpetta si sono mangiati pure il piatto !!! (iperbole alias minchiata tutta siciliana che però descrive appieno l’entusiastico gradimento della pietanza).

Congratulazioni, tutti i piatti consigliati da Stefano Barbato sono stati ottimi.
Lo ringrazio vivamente.

Aggiungi il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi