0 0
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Condividi su un Social Network:

oppure copia e incolla il seguente URL

Ingredienti

Regola Porzioni:
350 gr. riso carnaroli in alternativa vialone nano
10 gamberi
600/700 gr. seppie in alternativa calamari o totani, o un misto di tutte e tre
1 scorfano in alternativa gallinella o altro pesce di scoglio
scampi e gamberoni per arricchire il piatto
1,5 kg. cozze/vongole
1 gambo sedano
1 carota
1 cipolla
1 scalogno
3/4 foglie basilico fresco
2 spicchi d'aglio
una manciata prezzemolo
4/5 pomodorini datterini in alternativa pomodorini pachino
1 cucchiaio doppio concentrato di pomodoro
1/2 l. vino bianco secco
sale e pepe
olio extravergine di oliva
2 l. acqua per la preparazione del brodo di pesce

Salva questa Ricetta

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Risotto alla Pescatora

Origine:

Il Risotto alla Pescatora è un primo piatto di pesce classico della cucina italiana, molto profumato e dal gusto raffinato. Anche se la ricetta richiede molto tempo nella preparazione, è semplice da realizzare!

  • 70'
  • Porzioni 6
  • Intermedio

Ingredienti

Istruzioni

Condividi
(Visited 3.098 times, 7 visits today)

Passaggi

1
Fatto

Lavate i gamberi sotto l’acqua corrente, eliminate la testa e il carapace (la testa e il carapace teneteli da parte per il brodo di pesce). Aiutandovi con un coltellino, eliminate anche l’intestino (il filo nero all’interno), tagliando per lungo la parte superiore del pesce.

2
Fatto

Pulite le seppie, i calamari e i totani: sciacquateli sotto l’acqua corrente, quindi eliminate le interiora e lasciateli da parte.
Lavate e pulite lo scorfano: eliminate le branchie e tutte le interiora, quindi ricavate due filetti, mentre la testa e la lisca tenetele da parte per la preparazione del brodo di pesce.

3
Fatto

Lavate sotto l’acqua corrente gli scampi e i gamberoni (come per i gamberi, aiutandovi con un coltellino, eliminate anche l’intestino dei gamberoni,il filo nero all’interno, tagliando per lungo la parte superiore del pesce).e teneteli da parte.

Pulite le cozze e le vongole: per eliminare la sabbia, specialmente dall’interno delle vongole, mettere i frutti di mare in acqua fredda con il sale (per ogni litro di acqua ci vorranno 30 gr. di sale disciolto), in questa maniera non moriranno ed espelleranno la sabbia. Lasciateli in ammollo per 6 ore avendo cura di cambiare l’acqua ogni due ore. Passato il tempo, risciacquate bene i frutti di mare sotto l’acqua corrente. Le vongole sono pronte, mentre per quanto riguarda le cozze, dopo averle raschiate bene, eliminate il bisso, ovvero il filamento verde che esce dal mollusco.

Lavate e tagliate grossolanamente la cipolla, la carota e un gambo di sedano per la preparazione del brodo di pesce. Lavate e tagliate i pomodorini in quattro parti. Pressate leggermente lo spicchio d’aglio con tutta la buccia con la parte piatta della lama del coltello.

4
Fatto

Preparazione del brodo di pesce

All’interno di una padella versate un filo d’olio extravergine d’oliva e fate soffriggere per circa un minuto lo spicchio d’aglio in camicia tagliato a metà insieme alla carota, sedano e cipolla. Dopodiché unite le teste e il carapace e mescolate. Aggiungete anche la lisca e la testa dello scorfano.

5
Fatto

A questo punto inserite i pomodorini e sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco secco, mescolate e continuate la cottura a fuoco vivo per fare evaporare la parte alcolica del vino. Dopo circa due minuti, aggiungere i 2 litri d’acqua, quindi mescolate e portate ad ebollizione, dopodiché coprite con un coperchio e fate cuocere per 45 minuti a fiamma bassa.

6
Fatto

Intanto scaldate un filo d’olio extravergine d’oliva in una casseruola capiente e aggiungete uno spicchio d’aglio in camicia, quindi versate le cozze e le vongole, pepate e aggiungete con mezzo bicchiere di vino bianco secco. Poi, senza aspettare che la parte alcolica del vino evapori, coprite con un coperchio e lasciate che tutti i gusci si schiudano.

7
Fatto

Quando i frutti di mare saranno pronti, estraeteli dal tegame un po’ alla volta aiutandovi con una schiumarola e poneteli in una ciotola capiente, mentre l’acqua che avranno rilasciato durante la cottura aggiungetela al brodo di pesce dopo averla filtrata accuratamente. Mentre prosegue la cottura del brodo, sgusciate le cozze e le vongole, tenendone da parte qualcuna con il guscio per la decorazione finale del piatto.

8
Fatto

Quando mancheranno 10 minuti a fine cottura del brodo, aggiustate di sale. Tagliate le seppie, i calamari e i totani a listarelle, i filetti di scorfano a tocchetti.

9
Fatto

All’interno di un tegame versate un filo d’olio extravergine d’oliva, quindi spezzettate 3 o 4 foglie di basilico fresco e mettete sul fuoco. Quando le foglie di basilico cominceranno a soffriggere, potete aggiungere i calamari, le seppie, i totani, i filetti di scorfano, quindi fate saltare il tutto, o mescolate, tenendo il fuoco bello vivo. Quindi aggiustate di sale e continuate la cottura per circa 4 minuti con il coperchio.

10
Fatto

A questo punto le seppie, i calamari e i totani avranno rilasciato parte dei loro liquidi, quindi scolateli e recuperate la loro acqua di cottura, versandola nel brodo di pesce. Terminate la cottura del brodo per gli ultimi 5/6 minuti, dopodiché filtratelo accuratamente in un’altra pentola e tenetelo in caldo.

11
Fatto

Ora preparate il risotto

Ponete il riso all’interno di un pentolino, senza aggiungere niente, e tostatelo sul fuoco saltandolo o mescolandolo continuamente con un cucchiaio di legno (il riso deve arrivare a una temperatura di 60°C), il riso dovrà cambiare colore, ci vorranno all’incirca 2 o 3 minuti. Dopodiché tritate finemente uno scalogno e fatelo soffriggere all’interno di una casseruola a bordi alti con un filo d’olio extravergine d’oliva.

12
Fatto

Quindi aggiungere il riso precedentemente tostato e tostare ancora per un minuto circa, dopodiché quando il riso avrà assorbito tutto l’olio, sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco secco e quando sarà completamente evaporato, aggiungere immediatamente i molluschi (seppie, calamari, totani).

13
Fatto

Cominciate, dunque, a bagnare il riso due o tre mestoli di brodo e continuate a mescolare e ogni qualvolta il brodo verrà assorbito dal riso, aggiungete altro liquido. Unite anche il doppio concentrato di pomodoro, mescolate bene e coprite.

14
Fatto

Negli ultimi due minuti di cottura del riso (prestate attenzione ai tempi di cottura riportati sulla confezione), unite i gamberi, le cozze e le vongole sgusciate. Mescolate bene. Verificate la densità del risotto e, se necessita, aggiungere altro brodo, quindi unite gli scampi e i gamberoni, coprite e portate a termine la cottura. Dopodiché spegnete il fuoco e insaporite con un po’ di prezzemolo tritato. Mescolate bene, rimettete il coperchio e fate riposare per 5 minuti prima di impiattare il vostro risotto alla pescatora. Servitelo ben caldo, decorando ogni piatto con qualche cozza e vongola intere che avevate tenuto da parte e una spolverata di prezzemolo tritato fresco.

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa un modulo qui sotto per scrivere la tua recensione
precedente
Pollo alla Romana con Peperoni Glassati all’Aceto Balsamico
successiva
Melanzane Gratinate al Forno, 4 ricette
precedente
Pollo alla Romana con Peperoni Glassati all’Aceto Balsamico
successiva
Melanzane Gratinate al Forno, 4 ricette

3 Commenti Nascondi i commenti

Bellissima ricetta complimenti 🙂 solo un dubbio … ma nei due minuti finali i gamberi e gli scampi immersi nel riso riescono a cuocersi per bene all’interno?

Ciao Stefano, bellissima ricetta complimenti 🙂 solo un dubbio … ma nei due minuti finali i gamberi e gli scampi immersi nel riso riescono a cuocersi per bene all’interno?

Ciao Antonio, si, li aggiungi negli ultimi due minuti di cottura del riso, aggiungi ancora un mestolo di brodo e, una volta spento il fuoco, fai riposare il risotto con il coperchio in modo che scampi e gamberi terminano la loro cottura con il calore residuo.

Aggiungi il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi